PAGAMENTO BOLLETTINI POSTALI E DEI RAV
Con SpeedyMoney puoi pagare i tuoi i bollettini postali – prodotto esclusivo di Poste Italiane, regolato dall’art.4 del D.P.R. 14 marzo 2001 n°144 – in contanti o con la tua carta di credito, presso gli agenti convenzionati presenti su tutto il territorio nazionale oppure, con il servizio “pagospeedy” fruibile sul sito internet www.speedymoney.it, comodamente da casa tua con la tua carta di credito. Con il bollettino di conto corrente i clienti possono eseguire pagamenti: di utenze (es. acqua, luce, gas, telefono), di rate di finanziamenti (es. rimborsi rate di finanziamento), di imposte iscritte a ruolo tramite bollettino RAV (riscossione mediante avviso), del bollo auto, del canone RAI; di contravvenzioni al Codice della Strada; delle imposte comunali, ecc.. Il pagamento dei bollettini postali è un servizio di pagamento riservato alle banche, agli istituti di moneta elettronica, a Poste italiane S.p.A. e agli istituti di pagamento (c.d. "prestatori di servizi di pagamento", PSP) e SpeedyMoney, per l’erogazione di tale servizio, si avvale di intermediari autorizzati, di agenti in attività finanziaria o nei servizi di pagamento iscritti all’Organismo degli Agenti e dei mediatori, in possesso dei necessari requisiti di onorabilità e professionalità richiesta dalla normativa.

Quali bollettini si possono pagare con SpeedyMoney?

Tutti! SpeedyMoney ti consente, infatti, di pagare sia i cd. “bollettini bianchi” da compilarsi a cura del Cliente pagatore in tutti i campi, che presentano, in basso a destra, il codice 123, o il codice 451, sia i bollettini premarcati, già integralmente precompilati e che presentano, in basso a destra, il codice 896 o il codice 674 (in parte già pre-compilati, ma con importo liberamente definibile dal cliente). SpeedyMoney, all’atto dell’esecuzione del pagamento, ti indicherà se il pagamento eseguito dovrà ritenersi:

- con immediato effetto liberatorio per il Cliente pagatore;

- “salvo buon fine”, nel qual caso, l’effetto liberatorio per il pagatore è conseguito al momento dell’effettivo trasferimento delle somme da parte di SpeedyMoney al beneficiario che, di regola, avviene il giorno successivo alla data di effettuazione del pagamento.



Costo del servizio

La commissione da pagare a SpeedyMoney per il servizio è pari, per ogni bollettino presentato, all’importo riportato nella ricevuta di pagamento.

Avvertenze generali

Così come espressamente indicato nel foglio informativo scaricabile dal sito www.speedymoney.it, di seguito sono riportate le seguenti avvertenze:

1. il pagamento dei bollettini postali avvenuto dopo le ore 17:30, nella giornata di sabato e nei giorni festivi, deve considerarsi ricevuto la prima giornata lavorativa successiva;

2. per evitare l’applicazione della mora, è sconsigliata l’esecuzione del pagamento nella giornata di scadenza del bollettino;

3. SpeedyMoney non potrà ricevere pagamenti in contanti di somme superiori ai 999,00 Euro;

4. Il Cliente pagatore è tenuto a controllare attentamente la correttezza e la completezza dei dati riportati nel mandato di pagamento, non rispondendo SpeedyMoney in alcun caso del mancato buon esito dell’operazione in caso di inesattezze e/o incompletezza dei dati riportati nel bollettino di pagamento;

5. l’operazione di pagamento, una volta confermata dal Cliente, non è più annullabile da SpeedyMoney;

6. la prova del pagamento eseguito a SpeedyMoney è costituita unicamente dalla ricevuta rilasciata in formato cartaceo o digitalmente a conclusione dell’operazione;

7. il Cliente può controllare l’esito dell’operazione tramite il servizio “sicurezza SpeedyMoney” fruibile sul sito internet www.speedymoney.it, presso il punto di pagamento, tramite il QR Code presente nella ricevuta, oppure, scrivendo a SpeedyMoney all’indirizzo info@speedymoney.it

PAGAMENTO DEI MAV
Il MAV è l’acronimo di “Pagamento Mediante Avviso” ed è un servizio di pagamento effettuato mediante un bollettino contenente il nome e cognome di chi deve pagare, l’importo da versare, la causale del pagamento e la scadenza entro cui effettuare il pagamento. Con SpeedyMoney puoi pagare i tuoi bollettini MAV, avendo cura di inserire sul bollettino MAV il codice di 17 cifre che lo identifica in modo univoco.

Costo del servizio

La commissione da pagare a SpeedyMoney per il servizio è pari, per ogni bollettino presentato, all’importo riportato nella ricevuta di pagamento.

Avvertenze generali

Così come espressamente indicato nel foglio informativo scaricabile dal sito www.speedymoney.it, di seguito sono riportate le seguenti avvertenze: 1. il pagamento dei MAV eseguito dopo le ore 13:30, nella giornata di sabato e nei giorni festivi, deve considerarsi ricevuto la prima giornata lavorativa successiva; 2. SpeedyMoney non potrà ricevere pagamenti in contanti di somme superiori ai 999,00 Euro; 3. Il Cliente pagatore è tenuto a controllare attentamente la correttezza e la completezza dei dati riportati nel mandato di pagamento, non rispondendo SpeedyMoney in alcun caso del mancato buon esito dell’operazione in caso di inesattezze e/o incompletezza dei dati riportati nel bollettino di pagamento; 4. l’operazione di pagamento, una volta confermata dal Cliente, non è più annullabile da SpeedyMoney; 5. la prova del pagamento del MAV è costituita unicamente dalla ricevuta rilasciata in formato cartaceo o digitalmente a conclusione dell’operazione; 6. il Cliente può controllare l’esito dell’operazione tramite il servizio “sicurezza SpeedyMoney” fruibile sul sito internet www.speedymoney.it, presso il punto di pagamento, tramite il QR Code presente nella ricevuta, oppure, scrivendo a SpeedyMoney all’indirizzo info@speedymoney.it

Bonifico SEPA – Credit Transfer (SCT) ed incasso SEPA Direct Debit (SDD)

Il bonifico è una operazione bancaria che consente il trasferimento di fondi da un conto corrente ad un altro. A partire dal primo febbraio 2014 (Regolamento UE n. 260/2012), il bonifico SEPA (Single Euro Payments Area), Credit Transfer (SCT) ed incasso SEPA Direct Debit (SDD), è l’unico strumento di incasso e pagamento utilizzabile in tutti gli Stati Membri dell'Unione Europea (inclusi i Paesi che non hanno adottato l'Euro). Con SpeedyMoney potrai eseguire, in contanti o con la tua carta di credito, presso gli agenti convenzionati presenti su tutto il territorio nazionale oppure, con il servizio “pagospeedy” fruibile sul sito internet www.speedymoney.it, i tuoi pagamenti con bonifico bancario SEPA.

Costo del servizio

La commissione da pagare a SpeedyMoney per il servizio è pari, per ogni bollettino presentato, all’importo riportato nella ricevuta di pagamento.

Avvertenze generali

Così come espressamente indicato nel foglio informativo scaricabile dal sito www.speedymoney.it, di seguito sono riportate le seguenti avvertenze:

1. il bonifico SEPA eseguito dopo le ore 13:30, nella giornata di sabato e nei giorni festivi, deve considerarsi ricevuto la prima giornata lavorativa successiva;

2. SpeedyMoney non potrà ricevere pagamenti in contanti di somme superiori ai 999,00 Euro;

3. Il Cliente pagatore è tenuto a controllare attentamente la correttezza e la completezza dei dati riportati nel mandato di pagamento, non rispondendo SpeedyMoney in alcun caso del mancato buon esito dell’operazione in caso di inesattezze e/o incompletezza dei dati riportati nel bollettino di pagamento;

4. l’operazione di pagamento, una volta confermata dal Cliente, non è più annullabile da SpeedyMoney;

5. la prova del pagamento eseguito a SpeedyMoney è costituita unicamente dalla ricevuta rilasciata in formato cartaceo o digitalmente a conclusione dell’operazione;

6. il Cliente può controllare l’esito dell’operazione tramite il servizio “sicurezza SpeedyMoney” fruibile sul sito internet www.speedymoney.it, presso il punto di pagamento, tramite il QR Code presente nella ricevuta, oppure, scrivendo a SpeedyMoney all’indirizzo info@speedymoney.it

SpeedyMoney S.p.A. e’ un Istituto di Pagamento italiano, iscritto nell’apposito elenco tenuto da Banca d’Italia ex art. 114 septies del T.U.B. (Testo Unico Bancario) ed è membro dell’Associazione Italiana degli Istituti di Pagamento (A.I.I.P).

SpeedyMoney S.p.A., soggetto giuridico diverso dalle banche e dagli istituti di moneta elettronica, è autorizzata a prestare i servizi di pagamento di cui all’art. 1, comma 2, lett. f), n. 4, del T.U.B., su disposizione della Clientela, in favore dei soggetti beneficiari. Gli Istituti di pagamento, in Italia, sono disciplinati:

- dalla direttiva comunitaria 2007/64/CE, del 13 novembre 2007,relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno;

- dal Titolo V – ter del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, recante il Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (di seguito, TUB) e successive modifiche e integrazioni.

- dal decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, che detta disposizioni in materia di prevenzione dell’uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento al terrorismo e relative disposizioni di attuazione;

- dal decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 11 che detta disposizioni di attuazione della direttiva 2007/64/CE relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, e relative disposizioni di attuazione;

- dal decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica n. 144/1998, recante norme per la determinazione dei requisiti di onorabilità dei partecipanti al capitale sociale, richiamato dagli articoli 114 – novies, comma 1, lettera e) e 114 – undecies del TUB per quanto riguarda gli istituti di pagamento e 114-quinquies, comma 1, lettera e) e 114-quinquies 3 del TUB per quanto riguarda gli istituti di moneta elettronica;

- dal decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica n. 161/1998, recante norme per l’individuazione dei requisiti di onorabilità e professionalità degli esponenti aziendali delle banche e delle cause di sospensione, richiamato dagli articoli 114 – novies, comma 1, lettera e) e 114 – undecies del TUB per quanto riguarda gli istituti di pagamento e 114-quinquies, comma 1, lettera e) e 114-quinquies 3 del TUB per quanto riguarda gli istituti di moneta elettronica;

- dal Provvedimento della Banca d'Italia del 25 giugno 2008, Regolamento recante l’individuazione dei termini e delle unità organizzative responsabili dei procedimenti amministrativi di competenza della Banca d’Italia relativi all’esercizio delle funzioni di vigilanza in materia bancaria e finanziaria, ai sensi degli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni;

- dal Provvedimento della Banca d'Italia del 29 luglio 2009, in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi finanziari, e successive modifiche;

- dal Provvedimento della Banca d’Italia del 27 aprile 2006 recante “Modalità organizzative per l’attuazione del principio della distinzione tra funzioni istruttorie e funzioni decisorie nell’ambito della procedura sanzionatoria (art. 24, comma 1, della legge 28 dicembre 2005, n. 262) e Circ. 229 del 21 aprile 1999 “Istruzioni di vigilanza per le banche” Titolo VIII, Capitolo 1, in materia di sanzioni e procedura sanzionatoria ed amministrativa.

Presidente: dott. Cesare Di Transo

Amministratore Delegato: avv. Raffaele Ambrosino

Consigliere: dott. Piero Ansaldi


Consiglio di amministrazione

a) individua gli obiettivi, le strategie, il profilo e i livelli di rischio dell’istituto definendo le politiche aziendali e quelle del sistema dei controlli interni; ne verifica periodicamente la corretta attuazione e coerenza con l’evoluzione dell’attività aziendale;

b) approva le politiche di gestione dei rischi (operativi, di credito, di liquidità, ecc.), nonché le relative procedure e modalità di rilevazione e controllo;

c) approva i processi relativi alla prestazione dei servizi di pagamento e, per gli istituti di moneta elettronica, all’attività di emissione di moneta elettronica e ne verifica periodicamente l’adeguatezza;

d) verifica che l’assetto delle funzioni aziendali di controllo sia definito in coerenza con il principio di proporzionalità e con gli indirizzi strategici e che le funzioni medesime siano fornite di risorse qualitativamente e quantitativamente adeguate;

e) approva e verifica periodicamente, con cadenza almeno annuale, la struttura organizzativa e l’attribuzione di compiti e responsabilità; in tale ambito, si assicura, tra l’altro, che: i compiti e le responsabilità, formalizzati in un apposito regolamento interno, siano allocati in modo chiaro e appropriato e che siano separate le funzioni operative da quelle di controllo; gli agenti e i soggetti convenzionati siano dotati di meccanismi di controllo interno adeguati al fine di conformarsi ai rispettivi obblighi in materia di lotta al riciclaggio e finanziamento al terrorismo; sia garantita la separatezza amministrativo-contabile tra l’attività di prestazione di servizi di pagamento ed eventualmente di emissione di moneta elettronica, rispetto alle altre attività dell’istituto;

f) verifica che il sistema di flussi informativi sia adeguato, completo e tempestivo.



Amministratore Delegato

a) attua le politiche aziendali e quelle del sistema dei controlli interni, definite dall’organo con funzione di supervisione strategica;

b) verifica nel continuo l’adeguatezza del sistema dei controlli interni, provvedendo al suo adeguamento alla luce dell’evoluzione dell’operatività;

c) definisce i flussi informativi volti ad assicurare agli organi aziendali la conoscenza dei fatti di gestione rilevanti;

d) definisce in modo chiaro i compiti e le responsabilità delle strutture e delle funzioni aziendali, in modo, tra l’altro, di prevenire potenziali conflitti di interesse e di assicurare che le strutture siano dirette da personale qualificato in relazione alle attività da svolgere;

e) assicura che il personale e gli agenti utilizzati per la prestazione di servizi di pagamento, nonché il personale e i soggetti convenzionati utilizzati per la distribuzione e il rimborso della moneta elettronica, siano adeguatamente formati con riferimento ai prodotti e servizi prestati, agli adempimenti in materia di prevenzione dei fenomeni di riciclaggio e di finanziamento al terrorismo, alla normativa in materia di trasparenza;

f) assicura che le politiche aziendali e le procedure siano tempestivamente comunicate a tutto il personale interessato;

g) adotta tempestivamente le misure necessarie nel caso in cui emergano carenze o anomalie dall’insieme delle verifiche svolte sul sistema dei controlli.



Risk manager

a) vigila sull’osservanza delle norme di legge, regolamentari e statutarie, sulla corretta amministrazione, sull’adeguatezza degli assetti organizzativi e contabili dell’istituto;

b) vigila sulla funzionalità del complessivo sistema dei controlli interni; accerta l’efficacia delle strutture e funzioni coinvolte nel sistema dei controlli e l’adeguato coordinamento tra le stesse;

c) valuta il grado di adeguatezza e il regolare funzionamento delle principali aree organizzative;

d) promuove interventi correttivi delle carenze e delle irregolarità rilevate.

Con antiriciclaggio si intende l’azione di prevenzione e contrasto del riciclaggio di denaro, beni o altre utilita’. In Italia il riciclaggio e’ un reato previsto dall’articolo 648 bis del Codice Penale; banche, intermediari finanziari, assicurazioni e varie categorie di professionisti sono obbligati al rispetto di specifiche disposizioni per prevenire e identificare fenomeni di riciclaggio secondo quanto previsto dal decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231. SpeedyMoney S.p.A.,in conformita’ con i propri standard etici e nella costante attenzione alla prevenzione di tale fenomeno, si attiene alle disposizioni normative nazionali e comunitarie.A tale proposito l’Istituto si e’ dotato di apposite disposizioni interne, procedure, programmi di formazione, attivita’ di monitoraggio e controlli volti a garantire il rispetto della normativa vigente da parte del personale, degli amministratori, dei collaboratori e dei consulenti.